Preghiera per la Patria

Dio Onnipotente ed eterno
cui danno gloria il cielo, la terra e il mare,
ascolta la nostra preghiera!
Giurando fedeltÓ alla bandiera,
abbiamo promesso amore e servizio alla Patria,
nel ricordo del sacrificio di chi Ŕ caduto
perchŔ noi vivessimo in un mondo pi¨ libero e giusto.
Donaci, o Signore,
la forza di custodire e difendere il bene prezioso della pace;
e, in comunione di spirito con tutti coloro che lavorano e soffrono,
donaci la gioia di dare il nostro contributo per la serenitÓ delle nostre case,
per la prosperitÓ della nostra terra, per il bene dell'Italia.
Amen

Preghiera dell'U.N.U.C.I.

(approvato durante il Consiglio Nazionale di Chianciano dell'11 ottobre 1999 con la benedizione di Mons. Giovanni Marra, giÓ Ordinario Militare d'Italia e socio ad honorem dell'UNUCI)

Signore Iddio,
che ascolti la preghiera di quanti con fede cercano le Tue vie per ravvivare la fiamma dell'amore per ideali di vita,
guarda benigno a questo nostro umano consesso,
che raduna - assieme alle famiglie ed amici -
uomini che han fatto parte delle Forze Armate e dei Corpi Armati dello Stato.
Essi sono riuniti, nel rispetto delle Tue leggi e delle civili Istituzioni,
per esaltare l'amicizia, la fratellanza e la solidarietÓ fra gli uomini
e per promuovere i valori di libertÓ e rettitudine, nella fedeltÓ alle tradizioni,
portando memoria
e onorando coloro che hanno donato la loro vita al servizio della Patria.
Fa che essi possano continuare con giovanile vigore a testimoniare,
alle nuove generazioni di militari e ai cittadini tutti,
l'amore per la Patria Italiana.
E concedi ai nostri governanti la necessaria saggezza e rettitudine
perchŔ l'Italia possa essere sempre degna
delle sue millenarie tradizioni civili e cristiane

ESSERE SOLDATO

Sono stato quello che gli altri non volevano essere.
Sono andato dove gli altri non volevano andare.
Ho portato a termine quello che gli altri non volevano fare.
Non ho preteso mai niente da quelli che non danno mai nulla.
Con rabbia ho accettato di essere emarginato come se avessi commesso uno sbaglio.
Ho visto il volto del terrore, ho sentito il freddo morso della paura, ho gioito per il dolce gusto di un momento d'amore.
Ho pianto, ho sofferto e ho sperato.
Ma pi¨ di tutto, ho vissuto quei momenti che gli altri dicono sia meglio dimenticare.
Quando giungerÓ la mia ora agli altri potr˛ dire che sono orgoglioso per tutto quello che sono stato,
UN SOLDATO.

(George L. Skipech)